logo 3.png
  • ivanbonandi

IL RISVEGLIO DELLA PRIMAVERA



La relazione fra uomo e natura è molto più forte di quello che si può pensare;

il processo tecnologico ci porta sempre più verso una direzione di automatismi e linearità omologata ma questo crea in noi un inconsapevole senso di malessere profondo che spesso sfocia in “malattia”.


Se ci soffermiamo a riflettere: l’ambiente naturale ci ha offerto riparo, cibo, sostegno, prosperità

per moltissimo tempo; per millenni la nostra prima casa è stata la natura e i suoi ritmi hanno influenzato il nostro stato di “salute” fisica e umorale…basta soffermarsi sul come ci si sente in mezzo a una foresta in silenzio o un in complesso di costruzioni di solo cemento.





STARE IN NATURA, COME STARE A CASA

I ritmi moderni, lavorare senza sosta, mantenere elevati livelli di stress per 12 mesi l’anno, cosi come il non riconoscere che l’alternanza delle stagioni ha un effetto chiave sul “come stiamo” e in definitiva la lontananza dalla nostra prima vera “casa” ci porta inesorabilmente a un vivere alterato e a una usura precoce.



Il risveglio della Primavera è un esempio, in natura questa stagione corrisponde alla rinascita, fioriture, germogli, piante e animali che riprendono il loro ritmo vitale dopo il letargo invernale. L’uomo segue inconsapevolmente questa tendenza.


Il fegato nella tradizione cinese è l’organo strategico del metabolismo, un autentico serbatoio energetico, comanda i muscoli e i tendini a cui dona elasticità e dinamismo, conserva la qualità del sangue e si proietta all’esterno della persona tramite gli organi genitali, gli occhi e le unghie. Dal fegato parte la necessità di andare oltre noi stessi per vedere più lontano, per cercare relazioni e soddisfare bisogni spirituali. Essendo collegata alla primavera l’energia di fegato ha bisogno di manifestarsi nella creatività di nuovi progetti o nell’espressione di emozioni o necessità sopite.





UN ENERGIA IN ESPANSIONE

Una non corretta gestione di questa energia può portare diversi disturbi, ecco alcuni quadri di valutazione secondo la visione della medicina orientale.


RISTAGNO DI QI DI FEGATO:


- Disturbi del respiro

- Irritabilità, stanchezza, contratture muscolari diffuse

- Nausea, gonfiore addominale

- Irregolarità del flusso mestruale

- Insonnia, cefalee


FUOCO DI FEGATO


- Irascibilità, agitazione, sonno agitato

- Cefalee, vertigini, acufeni

- Stipsi, alitosi, bruciori addominali, reflusso


VUOTO DI FEGATO


- Stanchezza fisica e mentale, pallore

- Parestesie, pruriti diffusi, spasmi muscolari

- Disturbi della vista

- Sonno interrotto, disturbato da sogni

- Pelle secca, unghie fragili, capelli deboli, colorito spento

- Diminuzione flusso mestruale, ciclo ritardato, amenorrea


PRIMAVERA: IL RISVEGLIO DI CIO CHE NON ABBIAMO CORRETTAMENTE GESTITO

In quanti avranno notato che con l’arrivo della Primavera ci si sente più agitati o stanchi? Oppure ci si blocca con torcicollo o dolori lombari, le allergie ritornano prepotenti, influenze o disturbi digestivi.

E’ doveroso sottolineare che la nostra risposta all’ effetto primaverile dipende anche da come ci siamo comportati nella stagione invernale; di norma, orientata al riposo, a ritmi lenti e misurati, al dedicarsi a ricaricare l’elemento energetico fondamentale: i Reni.



Affrontare l’arrivo della Primavera con le batterie scariche, i Reni appunto, equivale a non fornire sufficiente energia al Fegato che risulterà di conseguenza in disequilibrio.

Ogni persona può quindi avere manifestazioni differenti riconducibili agli effetti della Primavera come stagione in relazione alla rispettiva qualità energetica.





IL TRATTAMENTO SHIATSU

La medicina orientale insegna che il corpo presenta innumerevoli punti energetici che

consentono all’elemento fegato di ritornare in equilibrio; opportunamente stimolati con agopuntura, calore o la tecnica del massaggio si ritrova immediatamente un profondo senso di benessere e una considerevole riduzione degli effetti fisici negativi correlati alla disarmonia.





INFO E PRENOTAZIONI 3317553370.


SEDI: Cesena - Via Chianciano, 681

Santa Sofia - Piazza Giacomo Matteotti, 4 (Martedi e Mercoledi)


69 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti